19 settembre 2012

LEGGERE COME SCRITTORI



Di persone che scrivono senza leggere ce ne sono pochissime. A loro va tutto il mio incoraggiamento - se non la mia simpatia - perché l'impresa che stanno tentando è sovrumana: imparare a scrivere senza maestri è come improvvisare un tuffo carpiato dal trampolino di 15 metri quando al massimo ci si è buttati nella vasca da bagno.
Si può leggere in due modi diversi: come lettori e come scrittori. Nel primo caso ci si diverte e si impara, ma l'apprendimento è lento e inconsapevole, quindi i suoi frutti si rivelano nei nostri scritti solo nel lungo termine. Leggendo da scrittori, invece, potremo trarre dalla lettura insegnamenti più chiari e approfonditi... ma non riusciremo a goderci appieno la lettura, perché invece di perderci nel sogno narrativo dovremo focalizzare l'attenzione sui vari aspetti che ci interessa approfondire.
Che fare per non rinunciare né all'apprendimento, né al piacere della lettura? Semplice: basta leggere due volte.
Dorothea Brande nel 1934 dava nel suo libro "Becoming a Writer" questi consigli, che rimangono assolutamente attuali:
1 - Leggere una prima volta d'istinto.
2 - Scrivere una breve sinossi dell'opera e prendere qualche appunto sugli aspetti salienti della lettura: cosa ci è piaciuto, e cosa no? Perché? Cosa ci ha colpiti? C'è stata l'auspicata sospensione dell'incredulità oppure in alcuni punti la storia ci è parsa poco plausibile? I personaggi erano ben tratteggiati? E così via.
3 - Leggere una seconda volta focalizzando l'attenzione sugli elementi che abbiamo toccato nei nostri appunti, cercando di individuare il modo in cui l'autore affronta gli aspetti a noi più ostici quando scriviamo.
Questo, naturalmente, vale per le opere che ci lasciano un'impressione "speciale", dove alla sintonia autore-lettore si aggiunge un livello di scrittura qualitativamente valido.
Leggere a questo modo ci costerà un certo sacrificio, ma non sarà troppo spiacevole, trattandosi di libri che apprezziamo... e gli effetti sulla nostra scrittura si noteranno. 


Nessun commento:

Posta un commento